franco govoni 2_p
FacebookTwitterGoogle+Pinterest

«Come dice Vasco, “Vado al massimo”».

«Ci vuole sangue freddo quando ti dicono di schiacciare sull’acceleratore, perché la situazione si sta mettendo male». Franco Govoni, 72 anni, è entrato nel mondo della Pubblica Assistenza nel 2003, quando è andato in pensione. Era un elettrotecnico, negli ultimi anni sempre in giro per il mondo, e di accomodarsi in poltrona non ne aveva alcuna intenzione. Da zero esperienza in campo sanitario, si è iscritto al corso di Primo Soccorso perché incuriosito dalla tematica e poi ha compiuto tutti i passi per arrivare ad essere autista delle ambulanze. Nella Pubblica Assistenza Città di Lugo ha sempre profuso grande impegno «Dare il minimo a volte non basta, come dice Vasco: “Vado al massimo” » sorride.

Per ritrovare il più bel ricordo di tutti questi anni «in arancione» Franco – che ora ha diradato i turni operativi ed è addetto alla Promozione delle Relazioni Sociali della sua Pubblica Assistenza di appartenenza – non deve scavare troppo. «L’anno scorso per festeggiare il nostro trentesimo anniversario abbiamo messo in piedi una due giorni, dove, oltre ai momenti istituzionali del caso, abbiamo pensato a una giornata interamente dedicata ai bambini – racconta –. Io sono stato uno degli organizzatori e l’evento ha avuto un tale successo che quest’anno abbiamo deciso di ripeterlo. È stata per me un’enorme soddisfazione».